20 agosto 2012

Incontro pubblico Piano di ricostruzione


19 commenti:

Anonimo ha detto...

Piano di ricostruzione ... Pia illusione .
Con quale risorse sarà realizzato ?
In parole povere i soldi sono finiti

e.n. ha detto...

chissà probabilmente rimarrà tutto sulla carta.. o forse no, forse questa è la volta buona

Anonimo ha detto...

Speriamo che resti tutto sulla carta almeno non si paga l'IMU per le seconde case .

AternOstrum ha detto...

speriamo invece che venga attuato il piano in modo da riqualificare il paese!

Anonimo ha detto...

Sicuramente le case saranno ricostuite nel tempo.
Ma michiedo:da chi saranno utilizzate ? dai fantasmi?

AternOstrum ha detto...

non si tratta di sole case, ma del centro storico in generale che, se riqualificato darà una spinta in più al paese. Un paese con pochi abitanti e servizi e in più con un centro storico decadente degradato e sporco, non attrae nessuno e spinge chi vorrebbe rimanere ad andarsene.
Una riqualificazione, oltre l'aspetto estetico e di sicurezza, potrebbe portare più turisti, magari giovani e giovani coppie potrebbero scegliere di vivere ad acciano ecc.ecc

Non sappiamo cosa succederà da qui a qualche anno, cosa verrà fatto e non. I tempi sicuramente saranno lunghi, ma noi vogliamo credere in un paese migliore!!!

Anonimo ha detto...

dall'ultimo censimento si evince :
-la popolazione del comune è di 351 abitanti,
- il 50 % ha superato in 64 anni ,
- un solo bambino frequenta la scuola materna etcc etcc.
Fra circa dieci anni la popolazione si ridurrà per svariati motivi dall'attuale del 40 - 50%.
Con questi presupposti si può immagginare, pensare e sperare di tutto.

Anonimo ha detto...

fatto sta che ad acciano non si trova nemmeno una casa in affitto. Le case servono, servono sempre di più di ruderi che cadono.

Anonimo ha detto...

I presupposti non sono le statistiche, sono le condizioni attuali e passate che creano statistiche. Cambiando le condizioni di vita, abitative, lavorative, cambiano le prospettive statistiche.

banale esempio sulla casa: 20-30 anni fa giovani coppie/famiglie accianesi e non, si sono stabiliti in case popolari o in case acquistate/in affitto a prezzi modici. Hanno deciso di rimanere e fare figli.
Oggi i figli di queste famiglie, se volessero rimanere ad acciano per costruirsi una loro famiglia sarebbero in maggiore difficoltà rispetto ai loro genitori.
Case popolari non ce ne sono più. (le ultime vuote sono in zone non agibili) Case in affitto non ci sono. (Negli anni90 una casa da ristrutturare costava dieci volte in meno di oggi).
Conseguenze: i giovani andranno a stare in un altro paese; i loro figli non cresceranno ad acciano.
Se, però, questi giovani trovassero casa ad acciano, rimarrebbero.

Il piano di ricostruzione e gli aggregati edilizi , forse potrebbero cambiare la questione abitativa.

AternOstrum ha detto...

citando il testo della legge 77/2009

" I comuni [...] predispongono la ripianificazione del territorio comunale definendo le linee di indirizzo strategico per
assicurarne la ripresa socio-economica, la riqualificazione dell’abitato e garantendo un’armonica ricostituzione del tessuto urbano abitativo e produttivo [...] "

Anonimo ha detto...

A mio avviso le motivazioni per cui i giovani abbandonano il territorio natio è il lavoro .Pagando ,il problema della casa nella vallata Subequana è di facile soluzione .

e.n. ha detto...

Sono daccordo. Il problema della casa è emerso poichè la discussione è relativa al piano di ricostruzione. Ma il lavoro è sicuramente la prima motivazione. Certo è che tanti giovani sono andati via per motivi di studio o lavoro.

Tuttavia considerato che tra sulmona e l'aquila il lavoro è quello che è, e dopo il sisma tornare a vivere a l'aquila è più difficile e di maggior spesa, per molti conviene rimanere in paese, pagare meno spese per la casa e fare i pendolari.
C'è anche da dire che ci sono giovani che decidono di rimanere in paese e con una propria professionalità lavorano in proprio o con ditte della zona.(negli ultimi 2-3anni 15 nuove aziende sono nate nella Valle Subequana)

Non credo sia giusto quindi guardare solo ai lati negativi ed avere una visione troppo pessimistica della nostra zona.

Anonimo ha detto...

il 14 sett. 2010 Aternostrum scriveva:
Ad Acciano sarebbero cosi tante le cose da fare che c'è l'imbarazzo della scelta;purtroppo il paese è fermo da più di 20 anni ,e non cè ancora mai stata una politica innovativa e pratica che sappia migliorare la qualità della vita.
Era un modo di guardare la realtà della nostra zona in modo pessimistico?
Aternostrum cosa ne pensa della realtà degli ultimi due anni il paese è ancora fermo o ci sono segnali di ripresa ?

AternOstrum ha detto...

Non una visione pessimistica, piuttosto critica e, se così si può chiamarla, 'propulsiva' a fare qualcosa, rivolta a tutti anche a noi stessi come persone e associazione, e non ad un particolare politico o amministrazione. Stando al punto di vista che la politica e la responsabilità civica riguardino tutti, soprattutto i cittadini che, se non hanno l'obbligo di essere 'attivi' nelle forme e nei limiti della costituzione, dovrebbero quantomeno essere interessati, consapevoli e critici (in modo costruttivo specialmente qualora vi sia opportunità di dialogo/raffronto tra ente pubblico/cittadino)

Per quanto riguarda la politica amministrativa in senso stretto, la nostra non è una dichiarazione critica assoluta nel senso che, quello che di buono è stato fatto o si è provato a fare negli ultimi decenni si apprezza e si rispetta ma, non è insostenibile pensare che, nella complessità queste 'cose' sono andate sempre più scemando nel tempo e sono state a sè stanti ,hic et nunc, non hanno saputo o potuto far parte di un progetto o perlomeno di un piano di sviluppo graduale e continuo che potesse essere una base per il futuro.

In questi due anni sì qualcosa è cambiato, risultati sono stati raggiunti, sia da parte dell'aministrazione che dei cittadini/associazioni (non esitiamo a pubblicarli nella nostra sezione: www.aternostrum.blogspot.it/p/risultati.html), ed altri sono certamente ancora da raggiungere!! Ma sono proprio le cose 'ancora da fare' e gli obiettivi 'ancora da raggiungere' che mettono in moto il cambiamento/miglioramento.
E' stato e sarà ancora un periodo di transizione, dove il post-terremoto da un lato e soprattutto inizialmente ha peggiorato la situazione accianese, dall'altro non può che essere una spinta e un'importante occasione per (ri)costruire qualcosa. Sì, questa potrebbere e dovrebbe essere la base di un progetto per un futuro migliore. Gli strumenti ci sono e crediamo che chi di dovere ci stia lavorando.

Anonimo ha detto...

buonanotte.... gli strumenti (quali ?)ci sono;chi di dovere (chi è ?) ci sta lavorando , basta aspettare ed essere fiduciosi. Sogni d'oro .....

AternOstrum ha detto...

caro Anonimo, ci illustri allora le sue idee!! O almeno ci illustri meglio le sue critiche!!
Non si capisce il senso della sua affemazione! Se ancora non è chiaro, si sta parlando di PIANO DI RICOSTRUZIONE! Ci sono sia strumenti che soggetti. Ci sono risorse finanziarie e ci sono leggi.
Non sembra poi così assurdo avere fiducia nella realizzazione dei PdR, o quanto meno lo consideriamo uno strumento fondamentale per i comuni del cratere.

Anonimo ha detto...

se son rose fioriranno:
assegnati 4.796 000 ; 1 758 000 ; 1 616 000 euro al comune di Acciano , per la ricostruzione , rispettivamente per gli anni 2013 , 2014 , 2015,Ci auguriamo che vengano spesi con parsimonia .

Anonimo ha detto...

tutti lo sanno ,nessuno ne parla,( neanche amiternostrum ....)che con questi finanziamenti nei prossimi tre anni si riqualificheranno al massimo tre o quattro aggregati per tutto il territorio del comune di acciano.Beati i soliti amici e parenti che usufruiranno dei finanzuiamenti.

Anonimo ha detto...

Sono stati emessi i primi decreti sindacali per la ricostruzione,ed in primis sono state favorite le aggregazioni di amici e parenti .Le previsioni dell'anonimo 06 04 13 sono state rispettate.

Posta un commento

Per firmarti con il tuo nome e non commentare come "Anonimo": sotto nel menu a tendina vai su Nome/URL, inserisci il tuo nickname nel campo "Nome", se non hai un blog/sito lascia vuoto il campo URL. Grazie